La camicia di seta di mia nonna

IMG_3588

Non vedevo l’ora di sentirmi il calore del sole sulla pelle, di respirare ossigeno e aria pura e così correre e camminare per le strade del centro tra gente desiderosa quanto e più di me di rubare ogni istante di questi primi giorni di primavera.
Questa volta mi sono fermata a dissetarmi di questo sole caldo e luminoso in piazza Carlo Alberto, restando affascinata dalla maestosità del Palazzo del Museo del Risorgimento da una parte e della Biblioteca Nazionale dall’altra.
Complice il tempo meraviglioso, ho voluto incentrare il mio outfit su questa splendida camicia di pura seta che un tempo era di mia nonna e che mi sono fatta regalare perché un capo del genere non può starsene nascosto in armadio. I colori tenui e la preziosa stoffa rendono questo capo unico regalandomi quasi la sensazione di acqua sulla pelle.

Un capo del genere non necessita di grandi abbinamenti se non di una semplicità che lo risalti, quindi sono ricorsa all’infallibile nero, ottenendo un risultato unico!
Sempre più mi convinco che per creare un outfit particolare bisogna aprire gli armadi delle nostre madri e nostre nonne alla ricerca di quel pezzo particolare che faccia la differenza!
Un ultimo consiglio…non vi fate ingannare però dai primi giorni di primavera, perché oltre all’outfit meraviglioso che ho guadagnato grazie alla camicia di mia nonna, ad essere troppo sfrontata mi sogno guadagnata anche un raffreddore che mi ha piegata…
Divertitevi e prendetevi cura di voi!

My grandma’s silk skirt
I could not wait to feel the warmth of the sun on my skin, to breathe pure oxygen and air, running and walking the streets of  the town between people more eager than me to steal every moment of these early days of spring.
This time I stopped to quench my thirst of hot sun and light in Carlo Alberto square, remaining fascinated by the majesty of the Risorgimento Museum Building on one side and the National Library on the other.
Accomplice this wonderful time I wanted to focus my outfits on this beautiful silk shirt that was my grandma’s and I want it not to stay hidden in the closet. The soft colours and the precious fabric make this shirt unique giving me the feeling of water on the skin.
A piece like that does not need big matching, just a simplicity that ridges it, and I choose the “always right” black, obtaining a great match!
More and more I am convinced that to create a unique outfit we have to open the closets of our mothers and grandmas looking for that special piece that makes the difference!
One last tip…do not be fooled from the first days of spring, because in addition to the wonderful outfit that I gained thanks to my grandma’s skirt, to be too brazen I even get sick for the underestimated air not that cold…
Have fun and take care of you!
IMG_3580

IMG_3579

IMG_3578

IMG_3577

IMG_3575

IMG_3573

IMG_3572IMG_3586

IMG_3585

IMG_3584

IMG_3583

IMG_3582

IMG_3581

IMG_3598

IMG_3597

IMG_3596

IMG_3595

IMG_3594

IMG_3592

IMG_3591

IMG_3590

IMG_3589

IMG_3587IMG_3608

IMG_3607

IMG_3602IMG_3603IMG_3604IMG_3605IMG_3646

IMG_3645

IMG_3644

IMG_3642

IMG_3640

IMG_3639

IMG_3638

IMG_3636

…ma poi non ho resistito e ho preso anche il Borsalino vintage di mio nonno a cui ho match-atto la Borbonese di mia mamma :)
…but then I could not resisted to wear also mu Granda’s Borsalino hat matching to it my mom’s Borbonese bag :)

IMG_3635

IMG_3633

IMG_3632

IMG_3631

IMG_3629

IMG_3628

IMG_3627

shoes ASH
leggins Tezenis
cardigan Cractère
black bag & sunnies Prada
skirt vintage
jewley vintage

I commenti sono chiusi.